‚ÄúPour toute pens√©e occidentale, ignorer son moyen √Ęge, c’est s’ignorer elle-m√™me‚ÄĚ; Tr. ‚ÄúPer tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo medioevo significa ignorare se stesso‚ÄĚ.

(√Čtienne Gilson,¬†La filosofia nel Medioevo. Dalle origini patristiche alla fine del XIV secolo, Sansoni, Milano 2005, p. 871)

√ą Professore universitario presso la¬†Pontificia Universit√† Antonianum¬†e Direttore esecutivo del¬†Centro di Ricerca¬†della stessa Universit√†. √ą inoltre Coordinatore del¬†Diploma di Alta Specializzazione in Artificial Intelligence¬†promosso dalla¬†Facolt√† di Filosofia¬†della¬†Pontificia Universit√† Antonianum¬†e patrocinato e accreditato dal¬†Consiglio Nazionale Forense.
√ą laureato in¬†Scienze Storiche¬†ed √® Dottore di Ricerca in Filosofia. Formatosi nel Dipartimento di Medievistica di¬†Sapienza ‚Äď Universit√† di Roma, ha acquisito la metodologia di ricerca storica della scuola francese delle “Annales”¬†e le tecniche di datazione e conservazione documentale.¬†Ha proseguito la sua formazione approfondendo l‚Äôambito filosofico con particolare attenzione all‚Äôetica antica e medievale.
Ha insegnato tre anni Logica, Storia della Filosofia Medievale e Tomismo presso l’Istituto Filosofico-Teologico San Pietro aggregato al Pontificio Ateneo Sant’Anselmo.
Le competenze storiche e filosofiche maturate trovano applicazione nell’ambito della transizione digitale: artificial intelligence, cybercrime, conservazione documentale, psicologia sociale, ecologia integrale e sostenibilità.
Ha all’attivo diverse pubblicazioni su riviste scientifiche ed è stato relatore in numerosi convegni.